MATERA, LA CITTA’ NELLA ROCCIA

00:06Italy Media


MATERA, LA CITTA’ NELLA ROCCIA

Ha il fascino di un salto nel tempo, che ci fa tuffare in un viaggio nella storia dell’uomo come se camminassimo lungo un filo rosso che non conosce distinzione tra presente e passato, ma che li lega entrambi in un unico mondo.

Oggi vi portiamo in una delle città più antiche che esistano, il cui nucleo orginario è scavato nella roccia e le regala fama a livello internazionale: Matera, perla della Basilicata.

L’uomo qui è presente da sempre, abitando inizialmente le grotte naturali e poi modificando e adattando l’ambiente fino a creare una vera e propria città scavata nella roccia: nasce così un luogo dall’aspetto curiosissimo, che a partire dal Medioevo vede ambienti rubati
alla montagna tufacea del Sasso Caveoso e del Sasso Barisano fondersi con costruzioni nate “al di fuori”; questa simbiosi tra natura e architettura è ciò che regala a Matera il suo aspetto unico ed irripetibile.

La costruzione di imponenti luoghi di culto, a partire dall’epoca medioevale, imprime la firma della cristianità e le dà un altro dei suoi elementi caratteristici, attorno ai quali si è costituito un nucleo ubano sulla cima della collina della Civita e che divide in due i Sassi, ma sarà
alla fine del 1600 che Matera acquisterà la sua fisionomia come la vediamo oggi, con le sue vie, le sue piazze e i suoi palazzi.

Dal 1993 i Sassi sono stati dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO, sesto sito in ordine di approvazione in Italia e primo nel Meridione.
Ciò che li rende così spettacolari è l’accostamento unico di elementi culturali appartenenti
ad epoche diverse, come in un “collage spazio-temporale” di complessi rupestri scavati dall’uomo che si alternano ad edifici medioevali, rinascimentali, fino a quelli moderni. Sotto la città “moderna”, una città “sommersa”, fatta dagli antichi ipogei che ospitano strutture rupestri di enorme valore (e anche di importanti dimensioni), collegati con i Sassi. Non a
caso, nel 2014 Matera è stata nominata Capitale Europea della Cultura per il 2019.

L’aspetto che Matera ha è quello di una città incastonata nella natura in cui è costruita, un gioiello unico arroccato su uno dei due versanti di un canyon. Dall’altra parte, si può vedere il paesaggio “come Madre Natura lo aveva fatto”, nel Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, che custodisce gli insediamenti più antichi del territorio.
Madre Natura e l’Uomo…due protagonisti essenziali di un mondo che cambia nei secoli e che porta spesso queste due firme.
Due Esseri che frequentemente si scontrano, sempre si accompagnano e sovente coesistono… e qui, per le strade di Matera, si capisce che da questo connubio possono nascere cose straordinarie, con la fantasia di entrambi… ph Gianni

You Might Also Like

0 commenti

Google+ Badge

Modulo di contatto